Melita Toniolo

A guardare il suo fisico prorompente sembrerebbe una patita di sport e fitness, una di quelle che mangia solo macrobiotico e passa ore in palestra. E invece…sorpresa! Melita Toniolo è splendida di natura! 😉 Graziata da un corpo da favola, Melita mi ha confessato di essere allergica a squat, addominali e flessioni, a cui però ricorre ogni tanto (è umana allora!) per rimettersi un po’ in forma nei periodi di troppa pigrizia o dopo la nascita del suo piccolo Daniel.
Melita forse sarà pigra ma tosta lo è di sicuro, Ariete ascendente Leone, schietta e autoironica, genuina. Chiacchierando del più e del meno durante un volo di rientro dalla Sicilia, scopro in lei forse uno degli ingredienti più sani del benessere…il non prendersi sempre troppo sul serio e saper sdrammatizzare la vita!

Melita, parliamo di sport. Per te è un dovere o un piacere?
Un dovere sempre, assolutamente. Perché…si può dire? Non sono molto sportiva! (ride). In verità non la sono mai stata, neanche da piccola, perché i miei genitori non mi hanno mai fatto fare sport. L’unica cosa a cui giocavo era calcetto con i maschi del quartiere!

Anche io, da piccola ero un maschiaccio!
Abbiamo un sacco di cose in comune (ride)! Comunque, se prima potevo permettermi di non fare sport, ora è diverso e quando mi vedo con qualche chilo in più mi impongo un po’ di movimento, ma resta comunque un dovere.

La natura ti ha graziato, hai sempre avuto e hai tutt’ora un fisico esplosivo…
Sì, sono esplosiva ma sono…una miccia! Nel senso che sono corta (ride), appena metto due chili in più si vedono subito e devo correre in palestra.

Da questo punto di vista, la gravidanza e il parto li hai vissuti con un po’ di paranoia o hai fatto del movimento per restare in forma?
Macché, durante la gravidanza non ho fatto proprio niente (ride). Mi sono goduta la pancia e il cibo. Ero felice come una Pasqua! Sì, me la sono proprio goduta. I buoni propositi li lascio alla prossima gravidanza perché non posso mettere su di nuovo 20 chili. Sono davvero troppi e ogni ginecologo che mi visitava si inca***va a morte e mi rimproverava.

Non hai mai avuto paura, visto che lavori nel mondo dello spettacolo dove mantenere la forma è importante?No… (ride). Cioè sì, un po’ di paura l’avevo, ma il mio compagno mi ha sempre sostenuta e incoraggiata a godermela. E io ci mettevo del mio dicendomi: “Ma si…chi se ne frega, ci penserò poi!”. E in effetti è andata così. Dopo il parto, tempo quattro o cinque mesi e sono tornata in forma.

Non deve essere stato comunque semplice. Venti chili sono davvero tanti!
Diciamo che il mio alibi è che il piccolino (si fa per dire) è nato di 4 chili, quindi tra il suo peso e quella della placenta…dai, ci stava! Poi ti guardi allo specchio e vedi un corpo più “strano”, la pancia un po’ sgonfia, le braccia lasciamo perdere…quindi ti rimetti in forma per forza.
Ho smesso di trovare scuse. Quando il bambino dormiva mi dicevo: “Basta, adesso vado in palestra, faccio un po’ di pesi, un corsetta sul Tapis roulant e poi mi sono messa a dieta…drastica”.

Hai seguito una dieta particolare?
La dieta chetogenica: in pratica mangi solo proteine e verdure dalla mattina alla sera. Era Maggio, l’ho seguita per dieci giorni e poi, grazie anche allo sport, sono tornata più o meno come prima.

In palestra eri seguita da un personal trainer o sei andata da autodidatta?
Sempre seguita, ma per una questione di pigrizia. Ho bisogno di avere un appuntamento con una persona altrimenti non riesco ad andare in palestra e  siccome non sono una “tira pacchi”, se qualcuno mi aspetta, ci vado per forza.

Che tipo di allenamento facevi?
Tanto corpo libero e l’elastico. Poi sai, io tutti i nomi non li conosco…quando mi dici: fai il “flat ball, best temps, il cat plups” mah…queste cose io non le so (ride)!

C’è un esercizio che odi di più o una parte del corpo su cui ti fa più fatica lavorare?
Le gambe e i glutei. Inoltre, non ho mai avuto gli addominali, ed è una cosa che vorrei moltissimo ma non riesco!

Ma come no?
Intendo addominali belli definiti.

Eppure ho presente foto tue in costume da bagno dove si vedono, pure con la riga in mezzo alla pancia!
Forse intendi la “linea nigra” della gravidanza? (Ride). No, non ho mai avuto gli addominali così definiti. E’ ovvio, se faccio una foto in intimo e metto la luce giusta, si vedono. Perché dai, sotto sotto…ce li ho gli addominali!

Però, di base, hai un buon rapporto con te stessa o sei critica?
Tutt’e due. Sono una che dice “ma sì amen”, però ogni tanto ho il mio periodo di crisi, in cui mi guardo allo specchio e dico: “Non posso andare avanti così!”. Il mio problema come ti dicevo è che sono bassina quindi, se metto su chili, le prime che si allargano subito sono le cosce e questo contribuisce a farmi sembrare ancora più bassa. Invece, se dimagrisco, soprattutto in zona bacino, mi sento più alta. Quindi, quando mi guardo allo specchio e mi vedo bassa con le cosce grosse allora è il momento in cui agisco e mi rimetto in forma.

Corpo e anima…è importante sentirsi bene con se stesse. Hai mai praticato yoga, meditazione o qualche attività olistica? Sei sicuramente vulcanica ma magari scopriamo che hai un alter ego più “meditativo”!
(Ride) Purtroppo no. Non ho mai fatto yoga o meditazione, anche se penso tantissimo, la mia testa non si ferma mai. Ho come un angioletto e un diavoletto che mi parlano tutto il giorno e ogni tanto devo “menarli” per farli stare zitti! Tuttavia…no, non ho mai fatto yoga o simili, forse perché in fondo ho paura di fermarmi e che emergano altri pensieri.

Da quando sei diventata mamma senti che qualcosa è cambiato?
Forse sì. Quando mi capita di sentire il cervello girare su mille pensieri mi basta guardare mio figlio e non me ne frega più niente. Anche perché, tutto quello che ho fatto mi ha portato ad avere lui, la cosa più bella della mia vita, quindi mi dico che era destino, doveva per forza andare così. Lo dico sempre anche al mio compagno Andrea…

Lui è sportivo?
No, zero. Nessuno dei due (ride).

Deciderete di avviare il piccolo Daniel a qualche sport?
(Ride) Mi piace che pronunci il nome Daniel così, all’inglese…bello! Comunque sì, mi piacerebbe molto, anche per dargli una disciplina. Spero non voglia fare il calciatore però…tutto, ma non il calcio.

Visto che nello sport praticato scarseggiamo…che tipo di sport guardi in Tv?
I mondiali! Quando c’è l’Italia. Ogni tanto mi invitano a Tiki Taka ma ho sempre la febbre!… (Ride)

Niente, Melita, forse abbiamo sbagliato blog!!! 😉
(Ride) No beh, dai…sono una tifosa sfegatata dell’Italia e guardo sempre i Mondiali quando gioca. Quindi in effetti sono anni che non li guardo… (ride).

E le Olimpiadi le guardi? C’è qualche disciplina che ti affascina?
No, zero, mai viste in vita mia…mi annoio da morire (ride). Ecco, forse il pattinaggio artistico, ma lo guardo 10 minuti, poi cambio e metto una serie su Netflix.

Niente da fare…
Lo ammetto, lo sport mi annoia tantissimo. Non sono portata e non lo capisco, forse perché la mia famiglia non mi ha mai avvicinato a nessuna disciplina.
Però vorrei approfittarne per lanciare un messaggio: mi raccomando, è importantissimo fare sport perché… ehm… ci sono delle interferenze … non ti sento più… ops… credo sia caduta la linea…. (ride)

Sei incorreggibile, grazie Melita!!! 🙂 

Tags:
Leave a Comment