Walking Day Milano

“Tutti i più grandi pensieri sono concepiti mentre si cammina”. Friedrich Nietzsche

Spesso controllo sull’I phone l’applicazione con il conta passi per scoprire quanti ne ho fatti durante le mie giornate e, senza neanche accorgermene, realizzo che sono di media almeno 7/9 km (tra vari impegni e passeggiate al parco con il cane), ai quali si aggiungono spesso un’altra decina di corsa, chiudendo verso sera quasi una mezza maratona!
Secondo Nietzsche, poeta e filosofo tedesco, dovrei ‘sfornare’ idee come un panettiere! 🙂
In fondo uno dei miei motti, diventato anche tatuaggio, è: “Don’t talk, walk!”… Ma scherzi a parte, la verità non si allontana di molto, quando siamo in movimento e viviamo uno stato di benessere fisico, tutto il resto ne beneficia, la mente si attiva e i risultati sono spesso sorprendenti.
Camminare è anche un atto spirituale, ci connette fortemente a noi stessi e le testimonianze in questo senso sono davvero tantissime.
Perché è vero, correre o praticare certi sport non è alla portata di tutti, ma camminare si, e proprio per questo motivo può diventare un bellissimo momento di partecipazione e condivisione.
Per me lo è stato domenica scorsa, il 21 Ottobre, dove ero la Madrina dell’evento non competitivo “Walking Day”, insieme a Maurizio Damilano, campione olimpico di marcia a Mosca 1980 e due volte campione mondiale nella 20 km, nonché ideatore, insieme al fratello Giorgio, della Fitwalking!

Questo evento, patrocinato dalla Regione Lombardia e dal Comune di Milano, prevede 8 km di cammino tra le vie del centro ed è rivolto davvero a tutti, senza distinzione d’età. Ammessi anche i nostri amici a quattro zampe, peccato non aver portato con me la piccola Zoe ma in compenso, e per la prima volta, sono riuscita a coinvolgere un po’ di amiche, alcune addirittura dalla Svizzera e da Padova!
Insomma un’occasione diversa per fare movimento e godere di una domenica in compagnia, ovviamente senza farsi mancare qualche scatto negli spot più belli della nostra città!

In questa camminata urbana, tra l’altro, il traffico milanese non ha subito interferenze alla viabilità, altro punto a favore per gli automobilisti che invece si lamentano durante le maratone… E l’adesione è stata importante, circa 1.500 partecipanti, 500 in più rispetto all’anno scorso. Perché non raddoppiare il prossimo anno?!
Quindi gambe in spalla, e come dice Paulo Coelho: “Quando le tue gambe sono stanche, cammina con il cuore.” 😉

 

Tags:
Leave a Comment