Shaolin: armonia tra mente e corpo!

Presto da sempre molta attenzione alla cura del corpo e dell’anima, dall’attività fisica alla ricerca di un equilibrio interiore.
Sono due strade parallele che vanno però nella stessa direzione, quella del proprio benessere. Alle volte si incrociano diventando una cosa sola, come nel caso della disciplina Shaolin che unisce la calma più serena all’azione più esplosiva, alla ricerca dell’armonia del corpo con la mente.
I Maestri-monaci hanno fuso arti marziali, ginniche, terapeutiche e filosofiche, creando una disciplina completa, volta in primis al massimo sviluppo delle capacità fisiche e mentali, utilizzabili se necessario in situazioni di difesa e combattimento. Questa millenaria evoluzione ha portato ad una disciplina che spazia da rigorosi programmi di preparazione fisica alla meditazione, da morbide pratiche salutistiche a dure metodiche di condizionamento e resistenza, dalla Filosofia a particolari tecniche di combattimento sviluppate osservando ed emulando gli animali che popolavano le foreste circostanti il Tempio (quali la tigre, il leopardo, il serpente, l’aquila etc.).

Ad aprirmi le porte verso questa nuova conoscenza c’è Andrea Nardi, nato in Italia nel 1984 ma Discepolo del Maestro Valter Carboni (Shi Xing Cang) che lo ha nominato insieme al Gran Maestro Shi De Yang discendente della 33^ generazione Shaolin, con il nome monastico Shi Yong Shui. Andrea inizia lo studio delle arti marziali cinesi all’età di 16 anni con la pratica di vari stili tradizionali, concentrando il proprio interesse sulla disciplina Shaolin nel suo insieme mente e corpo.
Negli anni frequenta molti Seminari con importanti Maestri, in Europa e Stati Uniti, o con lunghi soggiorni in Cina, nella regione dell’Henan, dove si trova il Tempio dal nome Shaolin.

Il Shaolin Wugong (Wu= marziale / Gong= disciplina) è stato sviluppato dai monaci Shaolin e da Maestri ospiti del monastero, nel corso di oltre 1500 anni, come completa filosofia di allenamento per il corpo e la mente, diventando uno dei ‘tre tesori’ della cultura Shaolin: Chan, Wu, Yi (filosofia Chan, Wugong, medicina tradizionale).
E’ curioso sapere che in Cina ci sono 2 stili di Kung Fu, quello del nord e quello del sud. Quello Shaolin fa parte di quello del Nord, ovvero dove il terreno è molto più arido e quindi il lavoro di gambe facilitato, motivo per cui c’è tanta parte acrobatica e calci volanti. Lo stile del sud è invece molto più di braccia, tanti colpi forti ma principalmente sul posto, in quanto il terreno si presenta paludoso.

Oggi Andrea è Maestro nella scuola Shaolin Wuseng Houbeidui Italy a Milano e nel suo lavoro da Personal Trainer, combina le antiche tecniche Shaolin con le moderne innovazioni del Fitness, per il raggiungimento di obiettivi di benessere o di performance sportiva.
La disciplina Shaolin è destinata originariamente solo agli uomini ma in questa evoluzione ‘occidentale’ per fortuna anche le donne possono partecipare e imparare da questi antichi insegnamenti.

Nella mia prima lezione sperimento diverse tecniche, cercando di memorizzare e coordinare i movimenti di gambe e braccia, per poi ripeterli con la giusta intenzione: determinata e combattente oppure più lenta e meditativa.
Ci sono posizioni dove si rimane immobili e sotto sforzo, e quando sopraggiunge il dolore inizia la forza della mente… La concentrazione è fondamentale, il corpo lavora molto bene e tutto sembra in perfetta armonia.
Ogni lezione si conclude poi con la meditazione, un bellissimo momento di raccoglimento dopo l’attività fisica che personalmente promuoverei al termine di tantissimi altri sport!
Io e Andrea ci congediamo con la promessa di rivederci, lo tornerò a trovare per seguire una lezione avanzata di questa affascinante disciplina, molto presto su MyPassionFit! 😉

Per saperne di più su Andrea Nardi:
Facebook: https://www.facebook.com/andrea.nardi.5891
Instagram: https://www.instagram.com/jiao_andrea/

Tags:
Blog Comments

Inutile negare che questa è la mia rubrica preferita…comunque mi affascina sempre di più la cultura Shaolin. Complimenti Marina, offri sempre degli ottimi spunti

Leave a Comment