La bici elettrica? Da provare!

Quando mi arriva una proposta per fare sport, indifferente quale sia la disciplina, al 99 % dei casi accetto senza esitare.
Durante l’estate mi hanno contattato da Bike Channel, canale 214 di Sky, per la registrazione di uno speciale, con un tragitto da percorrere in bici immersi in natura.
Vi do una piccola anticipazione…nei prossimi giorni registrerò delle nuove puntate in giro per la Liguria, la mia terra nativa!
Da levante a ponente, scopriremo insieme le sue bellezze, vi terrò aggiornati sulle messe in onda! 😉


Ma torniamo a quest’estate, dove abbiamo percorso la Via del Sale, strada in quota che collega il Colle di Tenda a Monesi (paese dell’entroterra ligure). Il tracciato, interamente sterrato, è totalmente costruito a mezza costa ad una quota compresa tra i 1.800 e i 2.000 mt. sul livello del mare. La sua lunghezza complessiva è di circa 39 chilometri, sviluppandosi in parte sul versante italiano (Piemonte e Liguria) ed in parte francese (Provence-Alpes-Cote-d’Azur).
Noi siamo partiti da Limone Piemonte abbiamo percorso solo una parte del tragitto, per circa 4 ore di bicicletta!

Per farvi immergere meglio nell’atmosfera di questa bellissima esperienza guardate il video che segue, è un breve riassunto di ciò che è andato in onda su Bike Channel!
Poi vi racconto in dettaglio su com’è andata…io sono rimasta piacevolmente sorpresa, chissà se invoglierò anche voi! 😉

Sulla resistenza non ho problemi, ma prima di questa giornata, avevo solo pedalato per Milano con una bici da città, o raramente con delle Mountain bike noleggiate, in qualche periodo di vacanza.
Prima di partire temevo le salite ripide, immaginando di dover scendere (miseramente) dalla bici e spingere a mano.
Per fortuna a questo hanno posto rimedio, fornendo a tutto il gruppo, delle biciclette con la pedalata assistita.
Lo so cosa state pensando…e ammetto che anch’io ero piuttosto ‘razzista’, da sportiva quale sono, anche se novellina di questo sport.
E invece è stata una grande e bellissima rivelazione!
Partiamo dal presupposto che da qualche parte bisogna sempre iniziare, per poi costruire nel tempo massa muscolare e affinare la tecnica.
Tra l’altro si può decidere se attivare o meno la pedalata assistita, io infatti, presa dallo spirito agonista e volendo faticare (corsa docet), ho spesso escluso questa funzione o l’ho tenuta al minimo.
Si possono infatti decidere più livelli di aiuto ECO, TOUR, SPEED e TURBO.
C’è da tenere conto che la bici è solo un po’ più pesante di quella normale, per via del motorino, qualora si volessero affrontare le salite senza nessun tipo di supporto.
A seguito della mia esperienza posso certamente consigliare la bicicletta elettrica, in qualche modo agevola i principianti e le gite in compagnia anche di chi pedala per davvero.
Avete presente quando in coppia uno dei 2 macina km e l’altro preferisce oziare? Quando arriva il weekend e il vero sportivo non vuole rinunciare all’attività, sottraendo così del tempo libero da vivere in famiglia?
Bene, credo che questa sia una validissima soluzione per mettere tutti d’accordo, favorire escursioni (anche in Autunno inoltrato e oltre) e, perché no, magari stimolare i più pigri a fare un po’ di sano movimento!

Ma torniamo alla giornata sulla Via del Sale. Dopo pochi km di tragitto, il mio dubbio sulle salite è stato presto rimpiazzato dall’incertezza nelle discese… Perché è proprio qui che entra in gioco l’esperienza e la tecnica.
Immaginate un bel sentiero stretto e un po’ ripido, con sassi e ghiaietta, e di fianco un confortante strapiombo che preferisci non guardare quando prendi velocità.
La prima reazione è di frenare e irrigidirsi, niente di più sbagliato!
Bisogna infatti sollevare le natiche dal sellino e tenere le braccia morbide, in qualche modo fluttuare padroneggiando così la pendenza.
Serve fare esperienza, lo so, non mi stancherò mai di ripeterlo, ma un po’ di sfida va sempre affrontata quando si pratica qualcosa di nuovo.
Quello che posso consigliare è di informarsi bene sul livello di difficoltà del percorso e poi, senza alcuna ombra di dubbio, divertirsi!
Per godere al massimo l’esperienza, vi suggerisco di indossare la tutina o comunque dei ciclisti con il rinforzo per la seduta prolungata, direi necessaria sui lunghi tragitti!
Utilissimi anche i guantini e ovviamente da non dimenticare il casco.

Ricordatevi che potete sfruttare la bici elettrica anche in città, e pure senza inquinare! Quindi tutti in sella!  😉

Per saperne di più su Bike Channel:
Sito: http://www.bikechannel.it
Facebook: https://www.facebook.com/bikechanneltv/
Instagram: https://www.instagram.com/bikechannelsky/
Twitter: https://twitter.com/BikeChannelSky

Tags:
Blog Comments

Mi ricordo di questa tua avventura. L’avevo seguita su Instagram. Ma ora che vedo il filmato, è davvero meraviglioso. Sia la bici che permette a tutti di raggiungere varie mete, sia quel percorso. Se solo scoprissimo di più le meraviglie del nostro paese…

Sono d’accordo Manuel! E credimi, la bici elettrica è un mezzo favoloso per scoprire tanti bei posti facendo anche un po’ di movimento! 😉

Leave a Comment